Visita d’eccezione al Centro di cura Saint Michel

Visita d’eccezione al Centro di cura Saint Michel

Visita d’eccezione domenica 9 agosto al Centro di “Cura Saint Michel”: infatti il centro ha accolto Pierre Somse, Ministro della Sanità e della Popolazione del governo centrafricano.
Il ministro si trovava a presso l’ospedale civile di Bouar per l’inaugurazione e l’apertura del reparto COVID-19 dono delle Nazioni Unite presenti nel Paese attraverso la MINUSCA (la missione di stabilizzazione integrata multidimensionale delle Nazioni Unite nella Repubblica Centrafricana).
Accompagnato dalla dottoressa Ione Bertocchi, coordinatrice e formatore sanitario in Centrafrica da oltre 50 anni, il ministro é stato accolto dal direttore fratel Angelo Sala, che dopo una visita alle strutture, ha mostrato i rapporti del lavoro annuale.
Il ministro ha cosi potuto prendere visione anche dei dati relativi agli “esami Covid-19” dato che, con il diffondersi della pandemia anche nel Paese centrafricano, il “Saint Michel” é stato indicato e riconosciuto come centro specializzato. Al momento sono stati effettuati 26 test, di cui 8 hanno dato esito positivo.
Secondo l’ultimo rapporto del Ministero della Salute, datato 7 agosto, nel Paese sono stati confermati 4.641 casi, di cui 1721 guariti e 60 decessi.

 

Nel 2019 il Centro di Cura Saint Michel, che proprio nel mese di giugno ha “compiuto” i suoi primi dieci anni di attività sono state 16.108 le consultazioni che hanno permesso di accertare 328 nuovi casi di Hiv. Il 71% dei nuovi pazienti sono state donne e il 12% proviene da zone lontane da Bouar, segno che in questi anni il “Centro Saint Michel” è diventato un centro di riferimento per un’area geograficamente molto vasta.
Ma l’assistenza del polo sanitario non si limita alla somministrazione di farmaci anti retrovirali: il Centro si occupa di ogni aspetto della salute del malato, dalla nutrizione (l’anno scorso sono stati distribuiti 6.600 kit alimentari) all’igiene, dal lavoro alla psicologia.
L’equipe sanitaria si impegna anche nella prevenzione organizzando incontri informativi e momenti di formazione nelle scuole e in città.



Send this to a friend